Ci mancheranno le nostre infermiere e il modello di una televisione didattica e pedagogica come vorremmo fosse la televisione pubblica italiana

Questa sera, alle 21.15, su Rete 4 andrà in onda l’ultima puntata della serie-evento che ha appassionato i telespettatori di tutta Europa: Call the Midwife. Si conclude ormai la sua seconda stagione e non sappiamo se ce ne sarà una terza. Noi ne abbiamo già parlato sul nostro blog e rinnoviamo con entusiasmo l’invito a vederla e ad entrare nelle storie dei protagonisti che, con delicatezza e tatto, raccontano di vite straordinarie e ordinarie. Entrano nelle trame più profonde dei temi che oggi è impossibile evitare di trattare; prostituzione, violenze familiari e disabilità sono solo alcuni di essi.

La nostra stima è tutta rivolta ad Heidi Thomas, l’ideatrice della serie, che con il coraggio di chi vuole approfondire ha sperimentato un prodotto televisivo pedagogico, senza lasciarsi spaventare dalla mediocrità di molte fiction europee (e noi in Italia lo sappiamo bene).

La puntata di stasera, l’amore e la vita, sicuramente non deluderà le aspettative.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...